• ediz19
  • sl1
  • sl2
  • sl3
  • sl4
  • sl6
  • sl7
  • sl8
  • sl9
  • sl10
  • sl16
  • sl11
  • sl12
  • sl13
  • sl14
  • sl15

Arte

 

sabato 2 aprile ore 11,00 - Atrio della Civica Biblioteca “Angelo Mai” 
Esposizione del Rotolo (Meghillat) di Ester - presentazione di Maria Elisabetta Manca 
e Giulio Orazio Bravi
Lettura del Libro di Ester: cap. 1-4


L'esposizione sarà aperta fino al 23 aprile con i seguenti orari: dal lunedì al venerdì dalle 8.45 alle 17.30; sabato dalle 8.45 alle 13.00.

Per rivedere il rotolo clicca qui.




domenica 3 aprile ore 15,30-17,30 - Abbazia Benedettina di san Paolo D'Argon Bg
Visita al ciclo degli affreschi di Ester con Maria Elena Nardari

Pagina Facebook: 

Effettobibbia in collaborazione con InChiostro. itinerari e incontri d'arte e con il contributo scientifico di Maria Elena Nardari illustrerà il ciclo di affreschi conservato nell'Abbazia di San Paolo d'Argon.
La visità è parte del programma di eventi dell'VIII edizione di Effettobibbia CAMBIARE LA STORIA: IL LIBRO DI ESTER.
Il ciclo di affreschi, realizzato nel XVII secolo dall'artista Giovan Battista Lorenzetti, decora la volta dell'ex refettorio del monastero con un'amabile narrazione tratta dal libro dell'antico testamento.
Con l'occasione saranno visitabili gli spazi del monastero e della chiesa parrocchiale. InChiostro. itinerari e incontri d'arte vi accompagnerà attraverso le opere di Giuseppe Maria Crespi, Sebastiano Ricci, Giulio Quaglio e molti altri artisti di primo piano dell'arte barocca italiana.
La partecipazione è gratuita, previa prenotazione scrivendo a: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
 
altre informazioni sulla pagina facebook  
 
 


sabato 16 Aprile - domenica 17 aprile
Fondazione Bernareggi / Tempio Valdese / Polaresco / Polo Civico Redona / Matris Domini 
Laboratori Artistici Scriptoriart / 5 Laboratori di illustrazione sul Libro di Ester
a cura di Giovanna Brambilla
clicca qui per i dettagli

Pagina Facebook:
vedi alcune immagini 



sabato 23 aprile ore 15,30-17,30
- Basilica di San Martino di Alzano Lombardo Bg
Visita alla pala Ester e Assuero di Giovan Battista Dell'Era e alla Cappella del rosario 
con Riccardo Panigada
 

La visita sarà incentrata sull’opera di Giovan Battista Dell’Era rappresentante Ester e Assuero. La tela è collocata nella seicentesca Cappella del Rosario, cui si accede dalla navata sinistra della Basilica di San Martino. La Cappella, dalla simbolica forma ottagonale, è un vero e proprio gioiello del barocco lombardo per i suoi ricchi marmi, gli stucchi dorati, gli affreschi e le preziose tele.

Nella Cappella sono conservati infatti veri e propri capolavori di artisti famosi che vanno dalle opere seicentesche del Cavagna (Assunzione di Maria) e settecentesche del Cappella (Abigail che placa Davide), ad opere dei maggiori artisti del Neoclassicismo, dai lombardi Diotti (Benedizione di Isacco al figlio Giacobbe) e Appiani (Giacobbe con Lia e Rachele) al romano Camuccini (Giuditta e Oloferne), fino ad uno degli artisti che segnano in modo più definito il passaggio alle nuove formule del Romanticismo, Giovanni Carnovali, detto Il Piccio, con la tela rappresentante Agar e Ismaele.

Tutte queste opere sono legate assieme a formare con l’apparato scultoreo un’unica grande visione metaforica inneggiante alla glorificazione della Vergine.

Tra le tele dei grandi esponenti del Neoclassicismo, la prima ad essere commissionata, nel 1795, è proprio quella con Ester e Assuero del trevigliese Giovan Battista Dell’Era, artista , che formatosi nello stimolante ambiente romano dell’epoca, completerà la sua formazione sullo studio delle antichità e dei grandi maestri rinascimentali, con una particolare predilezione per l’opera di Raffaello (l’architetto bergamasco Giacomo Quarenghi lo chiamerà a San Pietroburgo per la decorazione delle raffaellesche Logge Vaticane per l’Ermitage). La tela di Alzano risulta essere il capolavoro tra le opere di soggetto religioso dell’artista.

Al termine della visita si potranno vedere alcuni aspetti del complesso mussale di San Martino, dal pulpito barocco, agli arredi lignei delle Sagrestie, opera di collaborazione tra Fantoni e Caniana ad alcune delle importanti opere conservate nell’adiacente Museo.

 a cura di Riccardo Panigada, rettore del Museo di Arte Sacra "San Martino" in Alzano

Questo sito utilizza i cookie per il corretto funzionamento delle pagine web.

Proseguendo la navigazione del sito o confermando tramite il tasto sottostante fornite il vostro consenso all'utilizzo dei cookies. Per ulteriori informazioni