• ediz2019
  • ediz19_2
  • sl1
  • sl2
  • sl3
  • sl4
  • sl6
  • sl7
  • sl8
  • sl9
  • sl10
  • sl16
  • sl11
  • sl12
  • sl13

Scriptoriart

SCRIPTORIART

Laboratori espressivi di illustrazione del libro di Ester a cura di Giovanna Brambilla

 

Dedicati al libro di Ester, al centro di questa edizione di EffettoBibbia, gli Scriptoriart sono laboratori espressivi ispirati ai luoghi in cui, nel Medio Evo, venivano copiati e illustrati i manoscritti, consentendo a testi preziosi di passare di generazione in generazione attraverso i secoli.

Condotti da artisti, restauratori e educatori museali, i cinque Scriptoriart – ognuno dedicato a una fascia d’età, con tecniche differenti – daranno vita ad una modalità nuova di illustrazione del testo, traducendo in un linguaggio contemporaneo la pratica della miniatura.

Non è necessaria alcuna abilità, solo il desiderio di mettersi in gioco, di andare alla scoperta di un testo in cui elementi fiabeschi si mescolano a nodi tuttora attuali nella storia, e in cui in sentimenti che ruotano intorno alla protagonista – la paura e il coraggio, la vendetta e la rivalsa, l’odio e la devozione, l’inganno e l’astuzia –  si intrecciano in modo mirabile.

 

 

Orari

Sabato 16 aprile pomeriggio: ore 14-16; 16-18; 18-20

Domenica 17 aprile mattina: ore 9-11; 11-13

Domenica 17 aprile pomeriggio: ore 14-16; 16-18; 18-20

La partecipazione è gratuita, ma i laboratori sono a numero chiuso; è necessario prenotarsi al n. 347 096 99 56 oppure alla mail info@effettobibbia.it entro giovedì 14 aprile.

 

Scriptoriart 1

Età: 5-11 anni

Sede: Museo Adriano Bernareggi, Via Pignolo 76, 24121 Bergamo

Durata: 2 ore

Condotto da Giorgia Coeli, Educatrice museale con la collaborazione di Laura De Vecchi, Educatrice museale

Dalle parole di un magico testo alla costruzione delle scene: i ragazzi saranno coinvolti nella lettura dl libro di Ester e poi, attraverso materiali insoliti, potranno costruire momenti, personaggi e sopratutto i luoghi meravigliosi che si ritrovano in questa importante narrazione. I lavori realizzati dai bambini saranno vere e proprie illustrazioni delle sequenze di questo testo, che verrà successivamente composto sino a diventare un vero e proprio libro.

A tutti i partecipanti verrà rilasciato il “Diploma di giovane miniatore”, e verrà inviata via mail a ciascuno una fotografia che documenterà l’importante partecipazione alla realizzazione del libro.

 

 

Scriptoriart 2

Età: 12 -19 anni

Sede: Chiesa Valdese, Via Roma 2B, 24122 Bergamo

Durata: 2 ore

Condotto da Alessandra Beltrami, Educatrice museale, con la collaborazione di Jovica Momcilovic, Mediatore museale

Dopo una breve ma appassionante immersione nel testo, in cui il filo conduttore è spesso il rovesciamento delle parti, il ribaltamento delle sorti, il “prendere forma” di una trama ricca di colpi di scena, il laboratorio accompagnerà i ragazzi alla scoperta di una tecnica mista che consente di fare emergere delle immagini, inizialmente celate allo sguardo, ma poi rese visibili dal nero della china. Verranno così alla luce i momenti salienti del libro di Ester, che saranno successivamente incorniciati con la tecnica pop-up. Il tutto verrà poi   ricomposto sino ad arrivare alla creazione di un nuovo libro di Ester.

A tutti i partecipanti verrà rilasciato il “Diploma di giovane miniatore”, e verrà inviata via mail a ciascuno una fotografia che documenterà l’importante partecipazione alla realizzazione del libro.

 

 

Scriptoriart 3

Età: 19-30 anni

Sede: Spazio Polaresco, Via del Polaresco 15, 24129 Bergamo

Durata: 2 ore

Condotto da Paolo Baraldi, Artista ed Educatore, con la collaborazione di Maddalena Bianchetti.

Il laboratorio partecipato, dedicato ai giovani, prenderà la forma di disegni di grandi dimensioni che individueranno scene e personaggi salienti della vicenda di Ester. Dopo una prima ricognizione sul testo verranno evidenziate le quattro scene fondamentali del libro, scene nelle quali i personaggi principali svolgano le azioni che determinano la vicenda; a questo punto i partecipanti verranno coinvolti in un percorso di rilettura e immedesimazione del testo diventandone protagonisti, come in un fermo immagine. In questo modo, in un processo che passerà attraverso la fotografia, la videoproiezione e l’acquerello, su fogli di grande formato, come scenografie contemporanee, gli episodi prenderanno vita.

A tutti partecipanti verrà rilasciato il “Certificato di partecipazione al laboratorio espressivo”.

 

 

Scriptoriart 4

Età: 30-60 anni

Sede: Museo Matris Domini, presso Monastero Matris Domini, Via Locatelli 77, 24121 Bergamo

Durata: 2 ore

Condotto da: Giovanni Fornoni, Artista ed Educatore museale, con la collaborazione di Valentina Monzani, Restauratrice

Partendo da una riflessione sul testo, a cui le immagini vorrebbero dare una veste, il laboratorio ha scelto come filo conduttore quello della seta, traendo ispirazione dalla preziosa cintura portata dalle donne ebree.

Ogni componente del gruppo avrà a sua disposizione un lembo di raso sulla quale rappresentare, prima ideandolo a matita, poi attraverso la tecnica della china, l’elemento che più l’avrà suggestionato, emozionato e colpito della storia di Ester. Sarà data importanza al processo creativo, alla soggettività delle scelte e alla rappresentazione grafica del segno. Ogni singolo “pezzo” verrà infine cucito agli altri, fino a formare un racconto narrativo orizzontale che restituirà tutto il percorso simbolico della storia.

A tutti partecipanti verrà rilasciato il “Certificato di partecipazione al laboratorio espressivo”.

 

 

 Scriptoriart 5

Età: 60-99 anni

Sede: Casa Civica di Redona, Via Leone XIII 27, 24124 Bergamo

Durata: 2 ore

Condotto da Francesca Ferrandi, Fotografa, con l’aiuto di Elisa Maj, studentessa del Corso di fotografia presso LABA Accademia di Belle Arti Brescia.

Dopo avere fatto conoscenza con il testo, che pur essendo molto antico affronta temi e questioni di grande attualità, sia sul fronte umano che su quello politico, si darà voce al libro di Ester partendo da un’immagine prodotta attraverso il mezzo fotografico, perché è il mezzo che, per eccellenza, è diventato nell’età contemporanea un veicolo privilegiato di documentazione. Sarà indifferente il fatto che si abbia una conoscenza intuitiva o approfondita di questo strumento, in quanto le immagini saranno solo il punto di partenza per sviluppare le illustrazioni su più livelli, che verranno prodotti attraverso differenti forme di espressione quali il disegno e il collage.

A tutti partecipanti verrà rilasciato il “Certificato di partecipazione al laboratorio espressivo”.

 

I conduttori dei laboratori:

1. Giorgia Coeli, educatrice per l’arte moderna e contemporanea, già mediatrice presso Hangar Bicocca, docente abilitata per l’insegnamento di arte e immagine e disegno e storia dell’arte, lavora dal 2008 nella scuola e per la scuola. Progetta e conduce attività di laboratorio presso istituzioni museali e istituti comprensivi di ogni ordine e grado, per bambini e ragazzi.

Laura De Vecchi, storica dell’arte, durante la formazione ha focalizzato il proprio interesse in ambito educativo, svolgendo attività come operatore didattico ambientale, di animazione in centri ricreativi e culturali, di sostegno scolastico e partecipando a progetti rivolti alla disabilità. Collabora dal 2011 con la Fondazione A. Bernareggi per la quale progetta e conduce percorsi rivolti a scuole, famiglie e oratori.

 

2. Alessandra Beltrami, laureata all’Accademia Carrara di Belle Arti di Bergamo, è educatrice museale della GAMeC, dove conduce percorsi rivolti a bambini, ragazzi, disabili e persone con fragiltià. S occupa di fare riscoprire l’arte della manualità a bambini e ragazzi, come veicolo creativo che può fare esprimere i sentimenti e le emozioni.

Jovica Momcilovic, mediatore museale della GAMeC, ha tenuto percorsi rivolti a bambini, ragazzi, scuole, detenuti, con un’attenzione particolare all’intercultura e alle narrazioni. A questa attività affianca quella di scrittore.

 

3. Paolo Baraldi è un artista che si muove nello spazio pubblico coinvolgendo gruppi umani verso un obbiettivi visivi atipici e condivisi. Laureato in Scienze dell’Educazione e diplomato presso l’Accademia di Belle Arti G. Carrara, attualmente insegna Arti Visive all’Accademia della Grafica del Patronato S. Vincenzo. Ha collaborato in progetti di relazione tra arte e territorio con la GAMeC.

Maddalena Bianchetti, laureata in Scienze dei Beni Culturali presso l’Università Statale di Milano, è socia insieme a Paolo Baraldi di HG80, si occupa nello specifico di graphic design, con un occhio alla comunicazione, alla progettazione e organizzazione di eventi culturali.

 

4. Giovanni Fornoni ha seguito l’insegnamento di Luciano Fabro presso l’Accademia di Belle Arti di Brera a Milano. All’attività di artista affianca quella di insegnante e dal 2004 quella di Educatore Museale presso la GAMeC - Galleria d’Arte Moderna e Contemporanea di Bergamo, dove conduce laboratori rivolti a bambini, ragazzi, disabili, detenuti, e  tiene “Atelier”, un laboratorio di pittura e disegno.

Valentina Monzani è una restauratrice specializzata in dipinti antichi, con laboratorio a Bergamo. Diplomata presso l’Accademia di Belle Arti e restauro L. Lotto, ha conseguito il titolo di Operatrice di analisi e di rilevamento integrato dei manufatti storico/artistici ed architettonici presso il Corso di F.S.E. Ha collaborato in laboratori creativi con la GAMeC e insegna discipline artistiche.

 

5. Francesca Ferrandi dopo la maturità artistica ha proseguito gli studi presso l’Istituto Europeo Design a Torino portando a termine un corso triennale di fotografia. Vive e lavora a Bergamo come libera professionista e la sua attività di freelance spazia in diversi campi, con un’attenzione al reportage, affinando sempre più la mia ricerca nello studio approfondito della luce naturale in relazione a vari soggetti. Da tre anni, in collaborazione con GAMeC, conduce laboratori di fotografia per studenti delle scuole secondarie di I e II grado.

Elisa Majalunna del primo corso di fotografia tenuto da Francesca Ferrandi – in collaborazione con GAMeC –  al Liceo Linguistico Falcone di Bergamo, è ora studentessa del corso di fotografia presso LABA Accademia di Belle Arti Brescia.

 

 

Un ringraziamento a quanti, facendosi narratori del libro di Ester, introdurranno i laboratori, consentendo a tutti i partecipanti di entrare nel vivo della storia, di coglierne il fascino e di comprenderne l’immutata attualità, con una particolare attenzione all’età dei destinatari.

 

Si ringraziano, non solo per la gentile disponibilità alla concessione degli spazio, quanto per la condivisione del progetto, la Fondazione Adriano Bernareggi, la Comunità cristiana evangelica di Bergamo, il Comune di Bergamo, le Monache del Monastero Matris Domini, il Polo civico di Redona.

Progetto in collaborazione con GAMeC - Galleria d'Arte Moderna e Contemporanea di Bergamo